Diadinamica

La Diadinamica sfrutta correnti elettriche diadinamiche, ovvero onde con impulsi unidirezionali positivi.

Le correnti diadinamiche sono state scoperte nel 1929 da Pierre Bernard e le diverse combinazioni di impulsi di corrente diadinamiche danno origine a diverse correnti: corrente monofase, difase, corrente a corto periodo, a lungo periodo, corrente sincopata.Il trattamento prevede l’applicazione locale di elettrodi, le cui dimensioni variano in relazione alla zona da trattare. Dalle possibili combinazioni d’impulsi diadinamici si ottengono diverse tipologie di corrente, con conseguente effetto analgesico, trofico ed eccito-motorio. Questo tipo di terapia è indicata quando si è in presenza di tendiniti, traumi articolari, artropatie acute o croniche, algie muscolari.

Il trattamento è sconsigliato ai portatori di pacemaker, alle donne in gravidanza, ai pazienti affetti da patologie cutanee superficiali.